associazione-il-punto-rosa-santarcangelo

Chirurgia Senologica

 

Tumore alla mammella: a Firenze il nuovo metodo del Dr.Sentinella / GUARDA IL VIDEO >>>

 

Relazione Congresso Senologia di Chicago 03 05 13 – YouTube

► 6:43► 6:43

www.youtube.com/watch?v=roFE_hWGuV4
2 giorni fa – Caricato da Domenico Samorani

YouTube home. Sign in. Upload. Search Relazione Congresso Senologia di Chicago 03 05 13

CHICAGO 14th ANNUAL MEETING
GENERAL SESSION

FRIDAY, MAY 3

7:45 am–8:00 am Welcome
Suzanne Klimberg, MD Julie Margenthaler, MD

8:00 am–9:30 am The Evolution of Local-Regional Management of Breast Cancer
Moderator: Melvin Silverstein, MD
-Breast: Radical Mastectomy to BCT and Nipple-Sparing Umberto Veronesi, MD (I.E.O. Milano)
-Localization Techniques: Needle vs Ultrasound vs Radioactive Seed Barbara Pockaj, MD
-Axilla: ALND to Z0011 Armando Giuliano, MD (S.Antonio – USA)
-Radiation Therapy: WBRT to APBI and IORT Victor Zannis, MD
-Panel Discussion

9:30 am–10:00 am Break

FRIDAY, MAY 3 continued

10:00 am–11:00 am “How I Do It” Moderator: Julie Margenthaler, MD

-Interventional Ductoscopy for Pathological Nipple Discharge Fatih Levent Balci, MD
-Oncoplastic Surgery Using Modified Round Block Technique Hisamitsu Zaha, MD
-Management of Percutaneous Core Biopsy Tract Bleeding Pranjali Gadgil, MD
-Initial Experience in Sentinel Lymph Node (SLN) Detection by
Fluorescence Lymph Angiography Technique Domenico Samorani, MD (Ausl Rimini – Italy)
-Neoareolar Wise Pattern Reduction in Patients Requiring Central Partial Mastectomy Janice Kang, MD

11:00 am–Noon Presidential Address

Treatment by Chance Suzanne Klimberg, MD

Noon–1:15 pm Lunch with the Exhibitors
Small Group Lunches (Pre-registration required.): Breast Fellows, Allied Health

1:15 pm–2:30 pm Current Controversies Moderators: Lisa Newman, MD Theresa Schwartz, MD

-Are Re-Excision Rates a Quality Measure in Breast Surgery?
Yes Jeffrey Landercasper, MD
No Amy Degnim, MD

-Ethical Perspective Terry Sarantou, MD

-Treatment Decisions at the Bedside or the Bench: Are Molecular Diagnostic Tests “Ready for Prime Time” in Node-
Positive Breast Cancer?
Yes Alison Laidley, MD
No Gini Fleming, MD

2:30 pm–3:30 pm Scientific Session Oral Presentations I Moderators: Judy Boughey, MD Shelley Hwang, MD

-Is Post-Excision Pre-Radiation Mammogram Necessary in Patients with Breast Cancer after
Breast Conservation Surgery with Negative Margins? Cameron Adkisson, MD
-Increased Postoperative Complications in Bilateral Mastectomy Patients Compared to Unilateral
Mastectomy: An Analysis of NSQIP Data Fahima Osman, MD
-Breast Conservative Surgery with and without Radiotherapy in Patients Aged 55-75 with early
stage breast cancer: A Prospective Randomized Multi-Centre Trial Analysis after 90 Months of
Medium Follow-Up Corrado Tinterri, MD (Humanitas Institute- Milano – Italy)
-Selection Criteria for Postmastectomy Radiation in T1-2 Tumors with 1-3 Positive Lymph Nodes
Tracy-Ann Moo, MD
-Eligibility for Nipple Sparing Mastectomy May be Safely Expanded Suzanne Coopey, PhD

3:30 pm–4:00 pm Break

FRIDAY, MAY 3 continued

4:00 pm–5:30 pm Innovations and Advances in Breast Cancer Diagnosis and Treatment
Moderator: Edward Clifford, MD Chair, American Society of Breast Surgeons Research Committee
-Tomosynthesis vs 2D Breast Imaging Wendie Berg, MD
-IORT Darius Francescatti, MD
-Ablative Techniques Sheldon Feldman, MD
-SPY Device Irene Wapnir, MD
-Ethics of Technology Use and Interactions With Industry Lance Stell, PhD
-Panel Discussion

6:00 pm–7:30 pm Poster Session and Reception
6:15 pm-7:00 pm Poster Walk with Society Leadership and Experts (Pre-registration required)

SIAMO STATI INVITATI A PRESENTARE IL NOSTRO POSTER

SATURDAY, MAY 4

8:00 am–9:45 am Benign Breast Diseases and High-Risk Lesions Moderator: Aislinn Vaughan, MD
-Chronic Breast Abscesses and Fistulae Howard Snider, MD
-Nipple Discharge Julian Kim, MD
-Mastalgia and Fibrocystic Change Nora Hansen, MD
-Papillary Disease Amy Cyr, MD
-Fibroadenoma: Single vs Multiple Lesions Stephen Grobmyer, MD
-ADH, ALH, LCIS, Flat Epithelial Atypia Seema Khan, MD
-Panel Discussion

9:45 am–10:15 am Break

SATURDAY, MAY 4 continued
10:15 am–11:30 am Special Topics in the Management of Locoregional and Systemic
Recurrence Moderator: Eric Manahan, MD
-Breast Imaging Following BCT and Mastectomy Susan Holley, MD
-To Stage or Not to Stage, and How Marilyn Leitch, MD
-Surgical Management of the Isolated Metastasis Elizabeth Shaughnessy, MD
-New Rationales for Systemic Therapy Matthew Ellis, MD
-Palliative Radiation Bruce Haffty, MD
-Panel Discussion

11:30 am–12:30 pm Keynote Address
Breast Cancer: International Template for Bench and Translational Research Kirby Bland, MD

12:30 pm–1:45 pm Lunch with the Exhibitors

12:30 pm–1:45 pm “Quick-Shot” Scientific Presentations (pre-registration required) Moderators: Jane Mendez, MD David Brenin,

-Trends in Incidence and Management of Lobular Carcinoma In Situ: A Population-based
Analysis Pamela Portschy, MD
-Correlation Between Breast Cancer Molecular Subtype and Mammographic Appearance
Brigid Killelea, MD
-Implications of Tissue Expander Salvage During Implant-Based Breast Reconstruction Joshua
Adkison, MD
-Pretumoral Approach of Trans-Axillary Video-assisted Breast Surgery Aimed at Low-Invasion
and High-Aesthetics Koji Yamashita, MD
-Post Mastectomy Radiation and Recurrence Patterns in Breast Cancer Patients Under the Age
of 35: A Population Based Cohort Study Fahima Osman, MD
-Axillary Surgery Among Estrogen Receptor Positive Women 70 Years of Age or Older With
Clinical Stage I Breast Cancer, 2004-2010: A Report from the National Cancer Data Base
Catherine Pesce, MD
-Trends in Radiation Therapy after Breast Conserving Surgery in Elderly Patients with Early
Stage Breast Cancer Carrie Luu, MD
-Hormone Receptor Negative Breast Cancer – the Under Treatment of Patients Over 80 Anna
Weiss, MD
-Impact of Race in Prevalence of BRCA Mutations Among Women with Triple Negative Breast
Cancer (TNBC) Among A Genetic Counseling Cohort Rachel Greenup, MD
-Sentinel Node Biopsy Using a Magnetic Tracer vs. Standard Technique: The SentiMAG
Multicentre Trial Michael Douek, MD

12:30 pm–1:45 pm Alliance Investigators Meeting

1:45 pm–2:45 pm Update on Clinical Trials Moderator: Suzanne Coopey, MD
-SWOG Christine Lee, MD
-NSABP Thomas Julian, MD
-ACOSOG/Alliance Diana Dickson-Witmer, MD
-Ethics of Clinical Trials and Participant Recruitment Peter Angelos, MD

SATURDAY, MAY 4 continued

2:45 pm–3:45 pm Community Tumor Board Moderator: Jill Dietz, MD Panelists: Lee Wilke, MD Kirby Bland, MD
Bruce Haffty, MD Matthew Ellis, MD Susan Holley, MD Kalliopi Siziopikou, MD
3:45 pm–4:30 pm Break
4:30 pm–5:30 pm Scientific Session Oral Presentations II Moderators: Roshni Rao, MD Steven Chen, MD
-DC1 Vaccines Induce Significantly Greater Complete Responses in Estrogen-Independent Her-2
Over-Expressing Early Breast Cancer Megan Fracol, MD
-DCIS treated with Excision Alone Using the National Comprehensive Cancer Network (NCCN)
Guidelines Patricia Wehner, MD
-Imaging Response and Residual Metastatic Axillary Lymph Node Involvement Following
Neoadjuvant Chemotherapy for Primary Breast Cancer Tina Hieken, MD
-The Value of Six Month Interval Imaging following Benign Radiologic-Pathologic Concordant
Minimally Invasive Breast Biopsy Demitra Manjoros, MD
-Partial Breast Irradiation versus Whole Breast Irradiation for Early Stage Breast Cancer Patients
Undergoing Breast Conservation, 2003-2010: A Report from the National Cancer Data Base Tomasz
Czechura, MD

5:30 pm–6:00 pm Best of San Antonio and ASCO Meetings Funda Meric-Bernstam, MD

6:00 pm–7:00 pm Best Papers of 2012 Helen Pass, MD

7:00 pm–8:00 pm President’s Social
Please plan to join your colleagues in a toast to Society President Suzanne Klimberg at the President’s Social, which will be held immediately following the general session.

SUNDAY, MAY 5

6:30 am–7:30 am President’s Breakfast and Scientific Award Presentations

7:45 am–9:15 am Genomics and Molecular Diagnostics Moderator: Pat Whitworth, MD
-BRCA and Beyond Susan Boolbol, MD
-Molecular Prognostic Indices Lorraine Tafra, MD
-Breast Cancer Vaccines Brian Czerniecki, MD
-Prognostic and Predictive Factors: A Pathologist’s Perspective Kalliopi Siziopikou, MD
-The Ethics and Laws of Genetic Testing Patents Peter Angelos, MD
-Panel Discussion

SUNDAY, MAY 5 continued

9:15 am–9:30 am Break

9:30 am–11:00 am Survivorship Issues Moderator: Mahmoud El-Tamer, MD
-Guidelines for Surveillance (ASCO and NCCN) Kelly Hunt, MD
-Sexuality and Intimacy in Breast Cancer Survivors Patricia Ganz, MD
-Fertility Preservation Irene Wapnir, MD
-Nutrition and Lifestyle Strategies Carol Fabian, MD
-Panel Discussion

11:00 am–Noon Axillary Management Moderator: Carla Fisher, MD

-Z0011 for Non-Z0011 Patients? Hiram Cody, MD
-Timing of Axillary Staging With Neoadjuvant Therapy Judy Boughey, MD
-Prevention and Treatment of Lymphedema: ARM and Lymphovascular Anastomosis Daniela Ochoa, MD
-Panel Discussion

Noon Adjourn

Identificazione del linfonodo sentinella nel carcinoma mammario mediante linfografia a fluorescenza con verde indocianina (ICG): studio di validazione del metodo

Dal 1° luglio 2012, nell’ambito della Chirurgia Oncologica della Mammella, presso l’Ospedale di Santarcangelo, è iniziata la sperimentazione del PROTOCOLLO DI RICERCA validato dal Ministero della Salute che consiste nell’utilizzo di una NUOVA TECNICA per identificare il LINFONODO SENTINELLA più vantaggiosa per le pazienti e meno costosa per l’Ausl (Investigatore Principale Dott. Domenico Samorani).

Attualmente, le pazienti, il giorno prima dell’intervento chirurgico, si recano presso il Reparto di Medicina Nucleare di altre Ausl (Forlì o Cesena) per identificare il Linfonodo Sentinella mediate l’utilizzo di una molecola radioattiva iniettata vicino alla neoplasia medesima. Questa sostanza ripercorre le stesse vie di deflusso linfatico delle cellule tumorali e si deposita nel primo linfonodo del cavo ascellare la cui biopsia ci permette di verificare se vi siano già metastasi.
Il merito di questa tecnica, ideata dal Prof. Umberto Veronesi, è di selezionare le pazienti da sottoporre alla asportazione di tutti i linfonodi del cavo ascellare, intervento delicato e non privo di effetti collaterali che, fino a pochi anni fa, veniva praticato di routine a tutte le donne. Oggi, la biopsia del linfonodo sentinella ha dimostrato che le metastasi sono presenti solo nel 25% circa delle pazienti colpite dalla neoplasia. Ciò ha contribuito a raggiungere un grande risultato: ben 75 donne su 100 hanno potuto e possono tuttora evitare una inutile e dannosa dissezione ascellare.

La NUOVA TECNICA, che ci vede tra i primi in Italia assieme all’Istituto Europeo di Oncologia di Milano, prevede che il chirurgo stesso, in sala operatoria, inietti, alla periferia del tumore, un colorante vitale (il verde indocianina) il quale diffonde velocemente nel Linfonodo Sentinella. La traccia lasciata dal colorante diventa luminescente e visibile sottocute quando viene stimolata da una sorgente di luce a raggi infra-rossi.
Dopo aver sperimentato e dimostrato l’equivalenza della nuova tecnica con quella attuale, ci siamo confrontati coi risultati di altri Paesi e, sentito il parere del Dott. Paolo Veronesi che ha voluto verificarla personalmente, abbiamo deciso di percorrere la strada del PROTOCOLLO DI RICERCA per validare la metodica.

Ovviamente, nei primi 200 pazienti, dovremo utilizzare entrambe le tecniche per dimostrare che esse sono “equivalenti”.

In breve, elenchiamo i principali vantaggi di questa Nuova Tecnica di localizzazione del Linfonodo Sentinella con Verde Indocianina:
- Tutte le Ausl possono riprodurla (a prescindere dalla Medicina Nucleare)
- Per la nostra Azienda sarebbe la soluzione ottimale visto che, essendo priva del servizio di Medicina Nucleare, deve affidarsi alle prestazioni delle Ausl vicine.
- Si esegue direttamente in sala operatoria durante l’intervento di chirurgia della mammella
- Si inietta sottocute un Colorante Biologico anziché una molecola radioattiva
- La compliance delle paziente migliora poiché non devono recarsi in altre Ausl
- Abbatte i costi delle Ausl: 330 euro contro almeno i 1000 euro di oggi per un risparmio di 67.000 euro ogni 100 pazienti.

Calcolando il numero di nuovi casi di neoplasia della mammella registrati nel 2011 nella nostra Ausl, significa un risparmio annuo che può variare dai 250 ai 300.000 euro.

ADDENDUM

Nei primi 6 mesi di sperimentazione abbiamo reclutato 130 pazienti :
- in 125 casi si è verificata piena concordanza tra le due tecniche
- in 5 casi la nuova tecnica si dimostrata addirittura più sensibile del radio-tracciante che non aveva individuato il linfonodo sentinella.

16 gennaio 2013 Domenico Samorani

Santarcangelo all’avanguardia nella cura dei tumori femminili grazie al nuovo Protocollo per identificare il linfonodo.

Il metodo del “dottor sentinella”

 

Tra le cose di cui la Romagna può andare fiera c’è una realtà all’avanguardia nella sanità, è l’Unità Operativa di “Chirurgia Generale” dell’Ospedale “Franchini” di Santarcangelo dove da qualche mese è attivo un nuovo Protocollo di ricerca validato dal Ministero della Salute: una tecnica sperimentale che rappresenta un passo avanti nella cura dei tumori al seno, che permette di identificare il linfonodo sentinella attraverso un colorante biologico, il “verde indocianina”.

E’ un’evoluzione importantissima, al punto che il dottor Domenico Samorani – direttore dell’Unità operativa che ha introdotto il Protocollo di Ricerca presso l’Ospedale di Santarcangelo – è stato invitato ad esporlo il prossimo mese di maggio al 14esimo Meeting annuale dell’Americana Society of Breast Surgeon a Chicago. Si tratta del più importante convegno medico al mondo nell’ambito della senologia, una vera e propria consacrazione.

“L’Unità operativa di Santarcangelo è in una fase crescente come nuovi casi ogni anno – ci dice il dott. Domenico Samorani – il nostro è un centro in crescita da parecchi anni e siamo il secondo di tutta la regione, ma questa volta siamo rimasti sorpresi noi stessi di ciò che abbiamo sperimentato.”

Ci racconti come è iniziata Ci è stata presentata una cosa nuova: la possibilità di localizzare il linfonodo sentinella (il primo linfonodo minacciato dalle cellule tumorali della neoplasia mammaria) attraverso una metodologia nuova a basso costo. La metodologia attualmente in uso e consolidata in tutto il mondo è stata ideata dal prof. Veronesi, consiste nell’ inienzione subdermica di un tracciato radioattivo che segue lo stesso percorso che farebbero le cellule tumorali, qualora si fossero mosse dal tumore mammario e avessero raggiunto il linfonodo. Questo radiotracciante si va a localizzare nel primo linfonodo del cavo ascellare, estraendo quello, se è positivo si tolgono anche gli altri linfonodi, se invece è negativo si lascia stare. In questo modo si sono salvate 75 donne su 100, a cui è stato risparmiato un intervento inutile sul cavo ascellare. A noi è stato proposto di iniettare anziché una sostanza radioattiva un colorante biologico, il “verde indocianina”; una volta iniettato con i raggi infrarossi diventa luminescente, si vede una sorta di piccolo serpente luminoso che scorre lentamente sotto pelle e arriva all’ascella. Con un’ incisione si entra  dentro l’ascella in cui compare come una lampadina accesa: è il linfonodo sentinella da estrarre. All’inizio abbiamo semplicemente utilizzato entrambe le metodiche per vedere se erano equivalenti, rilevato questo pensavamo sarebbe stata una piccola sperimentazione che poi viene messanel cassetto. Invitati a  partecipare ad un congresso però abbiamo presentato con un filmato i sei casi trattati, Paolo Veronesi era in sala e al termine della presentazione ci ha manifestato un grande interesse per la cosa, ha deciso di sperimentarlo anche lui su duecento pazienti.

Ho scritto questo protocollo simile al loro e siamo partiti, loro a Milano e noi a Rimini, concentrati sulla sperimentazione li abbiamo perfino superati nel numero dei casi trattati. Quello che ci interessava non era dimostrare che la nuova metodica fosse migliore, ma appurare se fossero equivalenti per i vantaggi che ne sarebbero derivati.

Ci spieghi quali sono questi vantaggi Il più grande per noi è che, non avendo la medicina nucleare, con la metodologia del prof Veronesi dovevamo mandare le pazienti a Cesena o a Forlì per fare questa iniezione. Con il verde inoltre la paziente non assume sostanze tossiche, mentre con il radiotracciante sì. Anche dal punto di vista dell’attenzione psicologica e umana la cosa ha diversi vantaggi: le pazienti costrette il giorno prima dell’intervento a recarsi in un altro ospedale, incontrare nuovi medici, fare un esame che a volte è anche impegnativo…

Con il verde l’iniezione avviene subito prima dell’intervento, mentre la paziente dorme in due minuti  illumina il linfonodo; la tempistica è molto diversa. I costi infine sono nettamente diversi: questa metodica costa 200 euro, l’altra invece dai 1000 ai 1200 euro. Abbiamo calcolato che su 400 pazienti che vediamo si risparmiano circa 450 000 euro.

E come procedono i risultati? Dobbiamo trattare 200 casi, abbiamo iniziato a fine luglio e ne abbiamo già fatti 135. In tutti le due tecniche risultano equivalenti, ma in 5 casi addirittura la tecnica tradizionale non aveva identificato il linfonodo sentinella e questa tecnica invece sì. Ma ripeto lo scopo non era dimostrare che fosse migliore, ma che fosse equivalente. Eppure i risultati sono entusiasmanti e anche il vostro invito a Chicago lo dimostra. Abbiamo mandato il nostro studio senza aspettarci nulla, e invece ci hanno invitato a presentare il protocollo. Ho chiesto a Veronesi quali fossero stati i risultati della sperimentazione a Milano, anche lui ha confermato che funziona benissimo ed è più che giustificato utilizzarla dove non c’è la medicina nucleare.

Che dire… complimenti! Ci tengo a dire però che l’Ausl ha risposto subito a questa nostra iniziativa, perfino in un momento in cui si fatica a spendere per la ricerca, ha creduto in quello che proponevamo ed ha investito.

E questa iniziativa è stata condivisa da tutti i medici del percorso di cura del tumore alla mammella, siamo riusciti a mettere insieme tutti i professionisti, ogni lunedì ci vediamo e discutiamo i casi e non è un fatto tanto usuale.

Progetti per l’immediato futuro? Il prossimo passaggio che ci proponiamo è diventare un teaching hospital per questa metodica. Altri ospedali ci stanno già contattando.     “Isabella Leardini”

 

UNITA’ OPERATIVA

Numeri I successi di Samorani e della sua equipe.

Presso l’Unità Operativa di “Chirurgia Generale” dell’Ospedale di Santarcangelo, accanto al dottor Domenico Samorani, direttore facente funzioni l’equipe chirurgica è composta dai dottori Tommaso Fogacci, Franco Fabiocchi e Gianluca Frisoni.

Come noto a Santarcangeolo è altresì presente l’apparecchiatura per radioterapia intraoperatoria IORT, che dal 2009 ha trattato 213 pazienti collocandosi al primo posto in regione. Sul fronte della chirurgia ricostruttiva, nel 2010 è stata sperimentata, per la prima volta in Italia, una protesi animale (in derma suino), per la ricostruzione della mammella dopo la mastectomia, operazione eseguita dal dottor Samorani che ha avuto risalto a livello nazionale.

Presso il reparto di Chirurgia Generale dell’Ospedale di “Santarcangelo”, nell’anno 2012 sono stati e[1]ettuati 1.053 interventi senologici (dei quali 432 relativi a tumori, di cui 47 sono stati trattati con Iort). Nel 2012 è stata inoltre attivata una collaborazione con il prof. Tafurelli e la Breast Unit del Policlinico “Sant’Orsola” di Bologna e grazie alla recente attivazione all’Ospedale di Rimini, dell’Unità Operativa di “Senologia”, ora è possibile o[1]rire alla donna una presa in carico complessiva.

 

Nell’occasione ringrazio tutti i protagonisti di questo successo, in
particolare l’Agenzia Sanitaria Regionale e, al suo interno, il direttore
di Ricerca e Innovazione che, a suo tempo, ci ha mostrato fiducia e
offerto l’aiuto necessario per realizzare questo importante studio. Non
dimentico di ringraziare l’IRST, il comitato etico e, a seguire, la rete
di professionisti e oncologi che hanno partecipato a questo progetto
guidati dalla Dott. Ilaria Panzini che desidero, in modo particolare,
ringraziare con affetto.

Recentemente, la nuova tecnica è stata valutata dal Ministero della Sanità
attraverso l’Agenzia Italiana del Farmaco che ha inserito il Verde
Indocianina a pieno titolo nell’elenco delle sostanze in grado di
localizzare il linfonodo sentinella nelle neoplasie della mammella ed è
già stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale.
Non mi dilungo sui vantaggi che questa tecnica offre alle donne in termini
di soddisfazione percepita nè sui vantaggi economici e organizzativi in
favore del SSN in quanto ho già, precedentemente, illustrato.

Ora siamo in attesa che l’Ausl Romagna possa acquisire definitivamente la
camera a infrarossi PDE dalla ditta SEDA.

Il 5 dicembre, nel nostro reparto di Chirurgia Senologica, si terrà il 3°
corso di formazione con ECM per quei chirughi senologi provenienti da
varie regioni che hanno chiesto di conoscere la nuova tecnica allo scopo
di introdurla nelle loro rispettive aziende.